Ricerca il codice

Trova rapidamente i codici prodotto di cui hai bisogno applicando i filtri sulla nostra intera gamma prodotti.

Trova i codici
Code Finder
News 

Agorà e Light Shed 60 selezionati nell’ADI Design Index 2022

iGuzzini concorre al Compasso d’Oro 2024 con il proiettore architetturale Agorà e il sistema di illuminazione Light Shed 60, selezionati per la pubblicazione ADI Design Index 2022.

Il prestigioso volume raccoglie i prodotti candidati per il Premio Compasso d’Oro ADI 2024, tra i più rinomati premi di design al mondo, nato da un'idea di Gio Ponti nel 1954.

Agorà, disegnato dall’architetto Jean-Michel Wilmotte, è un proiettore architetturale dalle ottiche miniaturizzate; riesce ad integrarsi perfettamente negli spazi urbani: si adatta a strade, percorsi pedonali e spazi pubblici. Agorà può essere controllato con tecnologie che consentendo Smart Light Control e Smart Services per una città più efficiente, connessa e sicura
Agorà e Light Shed 60 selezionati nell’ADI Design Index 2022
Agorà, design Jean-Michel Wilmotte
Light Shed 60 è un sistema di illuminazione progettato per arredare e favorire il benessere delle persone in termini di comfort visivo e acustico. Già doppiamente premiato nel 2022 con iF Design Award e Red Dot Design Award per le sue qualità di design, innovazione e sostenibilità, Light Shed è personalizzabile e modulare, può ospitare strumenti intelligenti che ne estendono le funzionalità oltre la luce, abilitando servizi di sicurezza, entertainment, comfort e sostenibilità in maniera smart. È un prodotto certificato con PEP Eco Passport.
Agorà e Light Shed 60 selezionati nell’ADI Design Index 2022
Light Shed
Entrambi gli apparecchi sono progettati con criteri di Ecodesign, prodotti con 100% energia rinnovabile, materiali e processi circolari.

Agorà e Light Shed 60 saranno esposti nell’ADI Design Museum di Milano dal 15 al 27 novembre e presso l’Istituto Treccani di Roma dal 13 al 18 dicembre.
Agorà e Light Shed 60 selezionati nell’ADI Design Index 2022
Il pubblico all’ADI Design Museum. Foto di Roberto De Riccardis
PreviousNext
More news