Categoria di prodotto
Area di applicazione
Effetto di luce
Light Source
Categoria di prodotto
Area di applicazione
Effetto di luce
Light Source

Il nuovo terminal E - aeroporto Leonardo da Vinci

About Project


Il nuovo terminal E per le partenze extra Schengen dell’aeroporto “Leonardo da Vinci” è un progetto di ampliamento dalle dimensioni imponenti: 4 livelli su cui si distribuiscono diversi servizi al viaggiatore, più due livelli tecnici, una galleria, lunga 250 metri e larga circa 60 con uno spazio shopping con 40 negozi delle marche più prestigiose del Made in Italy oltre a 10 ristoranti e 22 nuovi gate per le partenze. Inaugurato a dicembre 2016 consentirà di accogliere 6 milioni di passeggeri in più all’anno. L’interno è caratterizzato da un lucernario longitudinale che percorre l’intera copertura stringendosi e allargandosi fino a trasformarsi in un’enorme cupola vetrata in prossimità del collegamento con il molo di imbarco. Realizzare una scenografia luminosa confortevole e rispondente ai bisogni del luogo è stata una sfida ardua, per i vincoli architettonici e strutturali, ma stimolante per la ricerca delle soluzioni più efficaci e funzionali.

La presenza del lucernario permette un utilizzo preponderante della luce naturale durante il giorno, oltre a offrire un piacevole rapporto visivo con il cielo e le sue mutevoli condizioni; tuttavia ha creato notevoli difficoltà tecniche per assicurare l’illuminazione artificiale durante le ore notturne. Gli apparecchi potevano essere installati solo tra le lame del soffitto ondulato, poste a circa 15 metri di altezza, senza possibilità di utilizzare la parte centrale, occupata dal lucernario, che arriva, nella massima estensione, fino a 13 metri di larghezza. La soluzione, ideata in collaborazione con gli studi di architettura e ingegneria, è stata individuata nella installazione di binari negli spazi tra le lame ondulate della copertura e sull’uso di proiettori Front Light che in prossimità del lucernario sono orientati verso il centro del terminal, illuminando quella parte di pavimento in corrispondenza della parte coperta dalla vetrata. Per poter seguire le curvature del soffitto e permettere l’installazione sempre in piano dei proiettori, i binari sono stati utilizzati in lunghezze di uno o due metri. Gli spazi che si trovano sotto la grande bolla di vetro dove si trovano sia una zona bar che alcune aree relax ricevono luce da Maxiwoody LED installati su una delle travi strutturali. In alcune zone del lucernario sono installati iRoll a plafone, corpo piccolo, per assicurare l’illuminazione diretta delle aree sottostanti, mentre alcuni iRoll, corpo grande, in prossimità della zona del molo sono RGBW per poter creare anche degli effetti colorati. La temperatura colore scelta è omogenea per tutti gli spazi e corrisponde ad un Neutral White di 4000 K. Ai livelli inferiori apparecchi Underscore disposti in maniere diverse ed articolate, oltre a fornire il giusto livello di illuminamento sulle zone di transito movimentano e decorano i soffitti con delle linee di luce, mentre gli incassi Reflex C.o.b forniscono ulteriore intensità luminosa per il comfort dei viaggiatori lungo i percorsi che conducono ai gate.
 

Working on a similar project?

Contattaci

  • Year:
    2017
  • Client:
    ADR Aeroporti di Roma Spa
  • Progetto architettonico:
    SPEA Engineering, Studio Muzi, Biggi Guerini & Partners
  • Photographer:
    Luca Petrucci

Project Quote

"Design, progettazione, realizzazione e gestione sono tutte made in Italy. E’ un modo per far vedere quello di cui siamo capaci come Paese "

Ugo De Carolis. AD Aeroporti di Roma

Prodotti usati:

The Blade

Restiamo sempre affascinati dalla bellezza. La bellezza è ciò che conferisce immortalità alle cose.
hidden button