Categoria di prodotto
Area di applicazione
Effetto di luce
Categoria di prodotto
Area di applicazione
Effetto di luce

Rotonda - Salonicco

Informazioni sul progetto


Il monumento, simbolo di Salonicco, è stato costruito agli inizi del 4° secolo d.C. probabilmente come tempio o come mausoleo per Costantino il Grande (306-337). Questo edificio circolare con  cupola ha un’altezza di circa 30 m. e circa 25 m. di diametro. Le sue pareti hanno uno spessore maggiore di 6 metri e può essere paragonato come struttura architettonica solo al Pantheon di Roma. Non molto tempo dopo la sua costruzione e durante i primi anni dell'impero bizantino (330-1453), la Rotonda fu trasformata in una chiesa cristiana, con l'aggiunta di un santuario sul suo lato orientale. E’ stata cattedrale di Salonicco tra il 1524 e il 1591, anno in cui fu trasformata in una moschea dai conquistatori οttomani ed è stata una moschea fino al 1912, anno in cui è stata invece dedicata a San Giorgio. L'interno è stato decorato con rilievi architettonici e mosaici parietali di rara bellezza, che coprono la cupola e le volte delle nicchie. I mosaici sono tra i capolavori dell’arte paleocristiana.

La Rotonda è una costruzione unica, iscritta nella World Heritage List dell'UNESCO per cui la scelta del sistema di illuminazione e della tipologia di illuminazione è stata fatta basandosi su criteri di rispetto e di tutela del monumento, ma ha valorizzato il bene culturale riportandolo alla piena lettura e alla migliore fruizione possibile per i visitatori rispondendo appieno alla mission della Social innovation through lighting. L’intervento iGuzzini riguarda tre zone: il primo intervento si concentra sulle volte delle nicchie perimetrali, che presentano una bellissima rappresentazione di frutta ed uccelli. In questo caso l’illuminazione è radente ed omogenea, ottenuta con linee di luce date dagli Underscore, posizionate ai lati sulle imposte di volta delle nicchie. Il secondo intervento riguarda invece la cupola con i suoi mosaici con lo sfondo verde e dorato, con preziose composizioni architetturali che riproducono gli edifici dell’architettura ellenistica e latina; il terzo intervento riguarda il Santuario e l’affresco dell’Ascensione sull’abside e che risale alla fine della iconoclastia (842). Sia nel caso della cupola che nel caso dell’abside sono stati utilizzati proiettori Woody con ottica da 40° e Maxi Woody Compact con ottica da 50° con una ottima resa dei colori. I fasci luminosi di diversa ampiezza e potenza si integrano per ottenere una uniforme ed omogenea illuminazione di tutta la superficie decorata. Ora sia gli affreschi che i mosaici possono essere osservati in tutta la loro bellezza, senza essere danneggiati: l’uso di una sorgente LED abbatte i danni causati da radiazioni infrarosse e ultraviolette.
 

Stai lavorando ad un progetto simile?

Contattaci

  • Year:
    2015
  • Client:
    Ministero Ellenico della Cultura e dello Sport Soprintendenza Archeologica della Città di Salonicco
  • Progetto Illuminotecnico:
    L4A
  • Photographer:
    Studio 8 Photos, Efi Panagoula