Categoria di prodotto
Area di applicazione
Effetto di luce
Categoria di prodotto
Area di applicazione
Effetto di luce
News 

iGuzzini a “Lighting Innovation”

Lighting Innovation

Un convegno dedicato all’influenza della luce sull’uomo

Il Design Campus dell’Università Politecnica di Milano ha ospitato, lo scorso 27 Novembre, la tredicesima edizione del convegno annuale “Lighting Innovation”. L’incontro, durante il quale ogni anno si dibattono tematiche di frontiera nel campo del design illuminotecnico, rappresenta un appuntamento significativo nell’ambito del Master in Lighting Design & LED Technology della Politecnica. Il focus di questa edizione ha preso spunto dalla recente attribuzione del premio Nobel per la medicina a Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W. Young per le loro ricerche sui meccanismi molecolari che controllano il ciclo circadiano.

Tra gli speakers intervenuti durante il convegno, Piergiovanni Ceregioli, Direttore del Centro Ricerca Culturale iGuzzini ha testimoniato l’importanza dedicata dal Gruppo alle ricerche nell’ambito della progettazione di prodotti d’illuminazione in grado di migliorare il benessere psicofisico delle persone. Il contributo, intitolato “More Than a Vision”, è un richiamo esplicito al volume pubblicato con lo stesso titolo dal Centro Studi e Ricerca di iGuzzini dedicato all’impegno del Gruppo nell’analisi dell’influenza della luce sul ciclo biologico dell’uomo. Infatti, iGuzzini avviò già nel 1988 i primi studi sull’impatto dell’illuminazione artificiale sul benessere psicofisico delle persone attraverso la collaborazione con il Lighting Research Center di Troy (USA). Le ricerche portarono al brevetto del sistema d’illuminazione biodinamica SIVRA (Sistema di Illuminazione Variabile a Regolazione Automatica) con cui è stato possibile riprodurre il naturale modificarsi della luce solare in ambienti confinati con un effetto migliorativo nella qualità di vita delle persone.

Human Centric Lighting (HCL) è lo studio della luce come elemento in grado di aumentare il benessere psicofisico delle persone. Nella Strategic Roadmap 2025 di Lighting Europe, associazione europea di riferimento dell’industria illuminotecnica, HCL rappresenta una delle linee guida internazionali per lo sviluppo e la crescita del settore. Pioniera in questo ambito di ricerca, iGuzzini ha da sempre studiato la luce biodinamica implementando soluzioni tecnologiche che dal SIVRA si sono evolute fino all’attuale Tunable White basata sulle sorgenti LED. Declinando queste tecnologie nei diversi ambiti applicativi, iGuzzini ha utilizzato la luce biodinamica non solo per migliorare il benessere psicofisico delle persone negli ambienti di lavoro o in ambienti confinati, ma anche a scopo riabilitativo in ambito medico e a servizio dell’arte. Esempi dell’uso di un’illuminazione biodinamica al fine di creare condizioni di benessere per i lavoratori che soggiornano a lungo in ambienti privi di sufficiente luce naturale sono: l’impianto del nuovo edificio di Scuderia Ferrari a Maranello, la sala di controllo della raffineria Motel di Marsiglia e del traffico di Oslo, il call center della Virgin di Norwich e la sede della HSBC di Londra.  Attraverso la collaborazione con l'Ospedale Maggiore di Bologna e il Centro Ricerche e Studi per il Coma, iGuzzini ha invece contribuito allo studio degli effetti che uno schema d’illuminazione dinamico a impulsi o un profilo graduale può avere nel percorso di riabilitazione dei pazienti. Il nuovo sistema d’illuminazione nella Cappella degli Scrovegni di Padova, infine, testimonia come la luce biodinamica possa migliorare la percezione delle opere d’arte. Infatti, grazie alla tecnologia Tunable White e a una rete di sensori (sviluppata dalla start up WiSense) in ambiente internet, la luce artificiale si adatta in modo intelligente in intensità e temperatura colore ai mutamenti della luce naturale, garantendo la migliore percezione degli affreschi di Giotto in tutti i momenti della giornata.
PreviousNext
More news